sabato 20 luglio 2019 ..:: Berlusconi naufrago ::..   Login
 Politica Riduci

Un naufrago aggrappato
al relitto di un governo
Non ci si può stupire che Silvio Berlusconi resti aggrappato al suo governo come un naufrago a un relitto, perché solo quello ancora lo salva dai vari i processi, ma l'epilogo è in vista. Ma il "dopo" non può prescindere dalla crisi internazionale in atto
 
(pubblicato su Eguaglianza & Libertà il 9 nov 2010)
 
Non ci si può stupire che Silvio Berlusconi resti aggrappato al suo governo come un naufrago a un relitto, perché sa bene, come tutti sappiamo, che solo quello ancora lo salva da tutti i processi che lo inseguono. La sua fantasia propagandistica è arrivata a evocare ora un complotto di mafia. I comunisti, purtroppo per lui, non ci sono più e agitare quel tipo di spauracchio sarebbe ormai fuori tempo massimo; il complotto dei magistrati è stato troppe volte ripetuto e del resto non è da quella parte che è stato suscitato l'ultimo scandalo, quello delle ninfette. Che cos'altro si poteva inventare?
 
Certo, l'idea è un po' fiacca, ma anche questo fatto testimonia ormai la confusione di chi palesemente non è più in grado di controllare la situazione. Perfino la spazzatura l'ha tradito e la settimana entro la quale il problema - quello già risolto due anni fa - avrebbe dovuto sparire è ormai da molto tempo alle nostre spalle. E nemmeno risulta che il governo abbia sconfitto il cancro, altra mirabolante promessa pre-elettorale.
 
Per di più anche le gerarchie ecclesiastiche sembrano ora pensare che la misura sia colma. Del resto, c'è poco da stupirsi: si può mentire, corrompere magistrati, politici finanzieri e quant'altri, falsificare bilanci, evadere le tasse, rubare, persino divorziare, e a tutto questo si può passar sopra, a fronte di sufficienti contropartite offerte da un governo (scuole cattoliche, insegnanti di religione, norme su problemi etici, finanziamenti, esenzioni ecc.). Ma quando il libertinaggio sessuale viene portato in piazza - ché, se è discreto, anche quello è tollerabile - allora è troppo: quello le gerarchie non lo possono davvero perdonare.
 
Il dopo-Berlusconi è alle porte, ma i suoi sviluppi sono resi ancor più problematici dalla crisi economica internazionale e dagli attacchi speculativi a cui potrebbe essere soggetta l'Italia se si percepisse un vuoto di potere che facesse allentare il controllo sui conti pubblici. Il "tanto peggio, tanto meglio" è impensabile, perché potrebbe precipitarci in una situazione drammatica. Ricordava Eugenio Scalfari che in analoghe circostanze si fece ricorso a un Ciampi che salvò la situazione. Qualunque possa essere lo sbocco politico di quanto sta accadendo non possiamo permetterci niente di meno.

Syndicate   Stampa   
Copyright (c) 2000-2006   Condizioni d'Uso  Dichiarazione per la Privacy
DotNetNuke® is copyright 2002-2019 by DotNetNuke Corporation