giovedì 26 aprile 2018 ..:: Zitto e Moscovici ::..   Login
 Europa Riduci

Sforare il 3%?
Moscovici se ne intende

Il commissario europeo ha severamente richiamato al rispetto del limite al deficit pubblico, ma non ha le carte in regola per farlo. Il suo paese, la Francia, negli ultimi dieci anni non lo ha mai rispettato, neanche negli anni in cui proprio lui era ministro dell’Economia


(pubblicato su Repubblica.it il 17 gen 2018)

Il commissario europeo agli Affari economici gliele ha cantate, a Di Maio, che vuole finanziare i progetti dei 5 Stelle anche superando il limite del 3% nel rapporto deficit/Pil. "Il tetto del 3% al deficit ha un senso, questo senso è evitare che il debito slitti ulteriormente e il debito italiano non può slittare ulteriormente; deve, anzi, ridursi nel corso del tempo: quindi è un controsenso assoluto per l'Italia ma anche per il resto dell'Unione europea".

Il commissario si chiama Pierre Moscovici, pronuncia Moscovisì, quindi sembrerebbe un francese. Ma non può essere: è mai possibile che un francese richiami tutti all’ordine per il rispetto del limite al deficit pubblico e per la riduzione del debito? Però, se uno va a controllare, è proprio così: Moscovici è francese. Non solo: è stato pure ministro dell’Economia, dal 2012 al 2014.

Allora uno pensa: chissà che deficit basso avrà la Francia, o magari sarà già arrivata al pareggio di bilancio come prescrive il Fiscal compact. Andiamo a vedere i dati Eurostat.
Francia - repporto deficit/Pil

Ma guarda: negli ultimi dieci anni la Francia sotto il 3% non c’è mai stata. E Moscovici, quando ha smesso di fare il ministro dell’Economia per andare alla Commissione, si è lasciato alle spalle un deficit del 3,9%. “Ma il deficit l’ho ridotto”, potrebbe replicare lui. Sì, ma restando circa il 25% al di sopra della soglia stabilita. E forse solo quest’anno (2018) si riuscirà a rientrarci. Forse.

Ma il debito pubblico, sarà certo al 60% come prescritto, o magari, visto che c’è stata la crisi, forse era salito, ma starà calando a tappe forzate. Vediamo che ci dice Eurostat.

Francia - rapporto debito/Pil

 

Toh! Il debito non solo non è al 60%, ma è salito per tutti questi anni, e continua a crescere. Non è tanto lontano dal 100%: coraggio, ancora un po’ e pure la Francia entrerà nel club.

Chissà come gliele canta, Moscovici, al suo capo del governo Macron. Sicuramente non in pubblico, altrimenti i media lo riporterebbero. Ma a quattrocchi, di certo lo rimprovera duramente. Mica se la prenderà solo con Di Maio.

Però, caro commissario, se lei è tanto convinto che il suo compito sia far rispettare quelle regole, non dovrebbe limitarsi a censurare le intenzioni. Con ben altra costanza e vigore dovrebbe prendersela con chi da dieci anni quelle regole non le rispetta. Che poi siano regole stupide (copyright Prodi) è un altro discorso. Ma per essere credibili, il minimo è guardare prima in casa propria.

 


Syndicate   Stampa   
Copyright (c) 2000-2006   Condizioni d'Uso  Dichiarazione per la Privacy
DotNetNuke® is copyright 2002-2018 by DotNetNuke Corporation